Civita di Bagnoregio

La città che muore

Civita di Bagnoregio Dove dormire ad Orvieto Hotel 3 stelle CivitaHotel 4 stelle CivitaAgriturismi Civita B&B CivitaCase vacanza CivitaCamping Civita
Cosa visitare a Civita Monumenti a CivitaMusei a BolsenaAree archeologiche a CivitaVille parchi e palazzi storici
Dove mangiare a Civita Ristoranti, trattorie e pizzerie a CivitaBar pub e locali notturniProdotti tipici BolsenaEnoteche e cantine
Shopping a Civita Abbigliamento ed accessori a CivitaBotteghe artigiane a CivitaArticoli da regaloAltri prodotti a Civita
Tempo libero Cinema e teatri a CivitaTour a Civita e dintorniSport ed escursioni a Civita e dintorniCorsi vari a Bolsena
Noleggi vari a CivitaProdotti turistici a Civita

Civita di Bagnoregio è un borgo particolare, unico ed eccezionale “appollaiato sul tufo, circondato da tutte le parti solo d’aria, come un uccello sulla punta più alta e inaridita di un paesaggio morto”; la parte centrale è invece formata da “un ciuffo di case e di mura in rovina, nere sul tufo, erette come sul vuoto” che sembra sospeso a metà strada tra la realtà ed il sogno e unito alla terra da “un’unica strada, esile e bianca come un nastro, che congiunge al mondo di qua, alla terra ferma e sicura, il ciuffo nero di case, l’isolotto alto di tufo, sospeso in mezzo al mare delle crete e degli abissali cavoni”. Così Bonaventura Tecchi descriveva la sua Civita, un posto unico, magico e spettrale allo stesso tempo, che, “attaccato alla vita in mezzo a un coro lunare di calanchi silenziosi e splendenti”, ormai da secoli racconta instancabilmente la “favola del paese che muore”.

Case di Civita, riassunto
Case di Civita

In Dove dormire a Civita di Bagnoregio

Locazione Turistica

Civita centro,
Richiedi un Preventivo

per appartamento

Read more
03/AGO/2016
Balneum Regis, Appartamento Blu
Balneum Regis

In Dove dormire a Civita di Bagnoregio

Bed and Breakfast

Bagnoregio,
a partire da 70€

per appartamento

Read more
06/LUG/2016
La Locanda Settimo Cielo.
Locanda Settimo Cielo

In Dove dormire a Civita di Bagnoregio

Agriturismo

Bagnoregio,
a partire da 50€

a persona

Read more
24/GIU/2016
Il Castagneto- dettagli camera
Il Castagneto

In Dove dormire a Civita di Bagnoregio

Casa Vacanza

Bagnoregio,
Richiedi un Preventivo

Read more
19/MAG/2016
Gli edifici dalla piscina
Agriturismo Buonasera

In Dove dormire a Civita di Bagnoregio

Agriturismo

A pochi minuti da Civita
a partire da 40€

camera doppia

Read more
04/FEB/2016
La Romantica Pucci
La Romantica Pucci

In Dove dormire a Civita di Bagnoregio

Hotel

Bagnoregio, centro storico
a partire da 80€

camera doppia

Read more
22/LUG/2015
Civita BedAndBreakfast
Civita Bed and Breakfast

In Dove dormire a Civita di Bagnoregio

Bed and Breakfast

Civita di Bagnoregio
a partire da 70 €

camerra doppia

Read more
10/LUG/2015
Il Castagneto, una camera
B&B Il Castagneto

In Dove dormire a Civita di Bagnoregio

Bed and Breakfast

Bagnoregio,
a partire da 75€

camera doppia

Read more
10/GEN/2015
Osteria di Agnese, Saletta-Giardino
Osteria al forno di Agnese

In Food & Drink a Civita di Bagnoregio

Trattoria

Civita centro,
sconto IN&OUT 8%
Degustazione Omaggio

Read more
11/GEN/2016
Il Bocconcino- cena all'aperto
Il Bocconcino

In Food & Drink a Civita di Bagnoregio

Ristorante

a pochi minuti da Civita
sconto IN 8%
sconto OUT 8%

Read more
03/GIU/2015
La Cantina di Arianna- Sala con Camino
La Cantina di Arianna

In Food & Drink a Civita di Bagnoregio

Trattoria

Civita centro,
sconto IN 10%
sconto OUT 10%

Read more
30/MAG/2015
Presto on line
Buonasera

In Food & Drink a Civita di Bagnoregio

Presto on line

Read more
29/GEN/2015
Civita di Bagnoregio, Museo geologico e delel frane,img 4
Museo geologico e delle frane

In Visitare Civita di Bagnoregio

Museo

Civita centro,
prezzo Onetcard Ingresso Libero

Read more
03/GIU/2015
Lubriano, Museo naturalistico, img 1
Museo naturalistico di Lubriano

In Visitare Civita di Bagnoregio

Museo

a 5,2 Km da Civita ,
prezzo Onetcard 3,00 € anzichè 4,00 €

Read more
30/MAG/2015
Bon Italy, riassunto
Bon Italy

In Servizi a BolsenaServizi a Civita di BagnoregioServizi ad Orvieto

Noleggio e-Bike, Info & Prodotti Turistici

Orvieto Scalo
sconto In&Out 10%
sul noleggio delle biciclette

Read more
07/GIU/2017
I Love It School
I Love IT School

In Servizi a BolsenaServizi a Civita di BagnoregioServizi ad Orvieto

Scuola di Lingue

Orvieto centro
sconto Onetcard 10%

Read more
26/FEB/2016
Orvieto Transfer
Orvieto Transfer

In Servizi a BolsenaServizi a Civita di BagnoregioServizi ad OrvietoTour

Noleggio con conducente

Orvieto
sconto Onetcard 10%

Read more
23/OTT/2015
hertz2
Hertz

In Servizi a BolsenaServizi a Civita di BagnoregioServizi ad Orvieto

Autonoleggio

Orvieto scalo,
sconto Onetcard 12%

Read more
30/MAG/2015
Acqua di Civita, con la Onetcard SCONTO del 10%...www.onetcard.it
Acqua di Civita

In Shopping a Civita di Bagnoregio

Profumeria

Civita centro,
sconto In&Out 10%
sui profumi e sui cosmetici indicati dal gestore

Read more
11/LUG/2016
Escursione a Orvieto

Una statua in metallo, raffigurante una donna sembra contemplare nostalgica il piccolo borgo sulla rupe di tufo che pare sgretolarsi; il monumento riporta le parole di Bonaventura Tecchi, lo scrittore-saggista che con amore dedicò al suo paese natale: “Ed è rimasta un attimo così, lieta e pensosa, contro quello sfondo balenante di scrimi bianchi e di abissi paurosi, come se la bellezza di un viso di donna che scende nel cuore di un uomo sia veramente una delle cose più dure a morire in questa breve, fuggevole vita”.
Il piazzale, dove è posta la statua, è collegato al piccolo ma incantevole borgo da uno stretto ponte lungo 300 m, che costituisce l’unica via di accesso alla città; da qui, durante l’attraversamento, è possibile avere un punto di vista privilegiato per ammirare la meravigliosa valle dei Calanchi che si apre ai piedi del ponte e che ai più mistici e fantasiosi potrà sembrare una sorta di ingresso per l’aldilà.

Al piccolo borgo, dove il tempo sembra essersi fermato, dopo aver attraversato il lungo ponte, si accede da una grande porta di origine etrusca. La porta, conosciuta anche come Porta Cava, è stata intagliata nel tufo in epoca etrusca e successivamente chiamata Porta Santa Maria, perché vicino ad una chiesa edificata in onore alla Madonna.
In origine le porte erano due; quella che si vede ancora oggi è arricchita da una serie di fregi dal forte valore simbolico. Sulle pareti sono incise infatti delle croci, che presumibilmente vanno attribuite ai Templari di ritorno dal viaggio in Terra Santa; queste, inserite all’interno di triangoli, rievocano le croci del Golgota a Gerusalemme.
Sui lati della porta appaiono alcuni bassorilievi in pietra; qui un leone che blocca tra gli artigli una testa umana vuole celebrare la vittoria che ottennero gli abitanti di Civita nel 1457, quando riuscirono a ribellarsi al predominio della potente famiglia orvietana dei Monaldeschi. Si varca la porta e si entra in un museo a cielo aperto: Civita di Bagnoregio.

Edificata probabilmente sulla struttura preesistente di un tempio pagano del V-VI secolo, porta con sé i tratti dello stile romanico seppure contaminato da svariati rifacimenti e modifiche nel corso dei secoli. In origine la struttura era di tipo basilicale, senza l’attuale presbiterio e il coro inferiore, che nel 1511 sostituirono la parete orientale, i due cori, una cripta e l’altare maggiore, demoliti sulla base di un progetto dell’architetto Nicola Matteucci di Caprarola. Anche la facciata venne modificata, fornendo alla chiesa un aspetto più rinascimentale; nel 1524 venne poi aggiunto il portale centrale e nel 1547 i due laterali. Su un fianco della chiesa sorge un campanile a torre, alla cui base sono inglobati due sarcofaghi etruschi in pietra di basalto; all’interno è poi possibile ammirare un affresco della scuola del Perugino, un crocefisso in legno della scuola di Donatello e un simulacro in ceramica del 1593 che raffigura S.Donato, santo a cui è stata intitolata la chiesa stessa. Nel 1695 la cattedrale subì gravi danni per via di un terremoto. Per la sua posizione centrale sulla rupe, sembra essere il fulcro attorno al quale rimane ancorato ciò che resta della città che muore.

L’aspetto lunare della Valle dei Calanchi che circonda la rupe rapisce lo sguardo di chi si avventura lungo il ponte che conduce all’interno di Civita. Un’ampia e solitaria vallata si apre ai suoi occhi con aspre creste d’argilla, prodotte dall’implacabile erosione e plasmate dagli agenti atmosferici. Le acque dei fiumi sottostanti hanno infatti scolpito le precarie argille del Pliocene, lasciate qui dall’oceano che 2 milioni di anni fa riempiva la vallata.
Le creste più alte e spettacolari del complesso sono il “Montione” e la “Cattedrale” da ammirare per la loro imponenza e per la loro maestosità. Lo spettrale paesaggio dei calanchi viene poi addolcito alla base dalla presenza di boschi di faggi e querce, piante autoctone della zona. Per la spettacolarità offerta dalla natura in questa area, la Valle dei Calanchi è stata proposta per l’istituzione di un parco naturalistico a tutela di tutto ciò che la natura è riuscita a costruire e plasmare in milioni di anni.

scopri il territorio2
eventi principali
Un po di storia3

È CURIOSO SAPERE CHE...

Civita è ormai un set a cielo aperto; moltissimi sono i film, le fiction e le pubblicità girate all'interno del piccolo borgo; tra questi ricordiamo La strada (1954) del maestro Fellini, I due colonnelli (1962) con Totò, Contestazione generale (1970) con Alberto Sordi, Non ci resta che piangere (1984) di e con Troisi e Benigni, il video clip del singolo di Eros Ramazzotti Stella gemella con la regia di Tornatore (1996) e una serie infinita di spot pubblicitari e fiction.

English