Share

Read next article:

"Teatro Mancinelli"

Read previous article:

"Orvieto:le due Torri."

Museo civico “F.Rittatore Vonwiller”

In Visitare Bolsena

Museo

a 4 Km da Bolsena, prezzo Onetcard Biglietto Ridotto
Museo civico "F.Rittatore Vonwiller", Farnese

Magazzini dell’Ammasso
Via Colle di S. Martino

01010 Farnese (Vt)

Tel: +39 0761 458849

www.simulabo.it



Il museo civico “ F.Rittatore Vonwiller” di Farnese (Si.Mu.La.Bo.) situato presso un antico granaio comunale ristrutturato e adibito a museo, porta il nome dell’archeologo e grande studioso Ferrante Rittatore Vonwiller ( 1919-1976), il quale condusse una notevole ed importante attività di ricerca sul territorio della maremma, dedicata in particolare alla storia del popolamento preistorico presente nella Valle del Fiora. Il museo espone una raccolta di testimonianze materiali inerenti lo sviluppo storico dell’intero territorio circostante, soprattutto riferite ai siti archeologici presenti nell’area della Selva del Lamone.. La località di Farnese che ospita il museo, ha lo stesso nome del casato dei Farnese, un’ influente e potente famiglia del Rinascimento Italiano, che probabilmente ha avuto origine proprio da questo centro nei pressi dello stupendo lago di Bolsena, e che fra i suoi membri ebbe il papa Paolo III ( 1468-1549), e il primo duca di Castro e di Parma, Pier Luigi Farnese ( 1503-1547).

Viaggio nel museo

Le sezioni che presentano le raccolte sono suddivise in base ad un preciso ordine temporale:

  • periodo preistorico e protostorico, dove si possono ammirare ritrovamenti, rinvenuti soprattutto dall’area di Sorgenti della Nova, utili a ricostruire gli usi e i costumi degli abitanti durante l’età del bronzo;
  • periodo etrusco-romano,nella quale si trovano esposti reperti, databili dal V sec. a.C. agli inizi del III sec. a.C., che testimoniano le tradizioni di vita sociale e religiosa degli etruschi. Questa sezione è stata dedicata all’archeologo Mauro Incitti (1954- 2004), a cui va il merito di aver lavorato molto per avviare la campagna di scavo che portò a “scoprire” la fortezza etrusca di Rofalco da cui provengono tali reperti;
  • periodo medioevale e rinascimentale,in cui sono esposti dei manufatti rinvenuti dai “ pozzi da butto”. Tra questi le maioliche dipinte e alcuni oggetti preziosi come la corona da rosario in corallo

Informazioni

APERTO
da venerdì a domenica
Orario
9.30-12.30 / 16.00-19.00

Per maggiori informazioni scrivi a:

Iniziative del museo

In attesa del prossimo evento.

Per avere maggiori informazioni visita la pagina dell’evento


prezzo Onetcard
Biglietto Ridotto

English